02 nov 2013

Ti regalo gli occhi miei






E poi ci stanno tutte queste cantanti che vanno adesso [vedi Emma Marrone, Alessandra Amoroso e tante altre tutte troppo simili tra loro] che non mi trasmettono l'emozione che mi da la sua voce.
Gabriella riusciva a cantare canzoni popolari romane e d'amore con una personalizzazione ed un'anima con pochi pari. Una voce che dà i brividi.
Una vita che è durata poco poco, o forse niente......ma ricorderemo davvero per sempre

6 commenti:

  1. Nata al Testaccio

    RispondiElimina
  2. E a Testaccio son stati fatti i suoi funerali.
    Il suo quartiere non l'ha lasciata andar via sola.

    RispondiElimina
  3. Tu c'hai la primavera nella chioma
    er vento passa drento e se 'mprofuma
    La grazia di parole semplici per sentimenti semplici, senza scomodare leggi che reggono l'universo come fanno assessori siciliani del ventunesimo secolo.

    RispondiElimina
  4. "Più nun vanno l'innamorati pe Lungo Tevere, a rubasse li baci a mille sotto all'arberi."
    Questa grazia non la si trova piú Giovanni, o saremo troppo esigenti noi?
    Ultimamente ho ascoltato troppe canzoni con testi banali in modo esagerato.

    RispondiElimina
  5. La ricordavamo proprio un paio di giorni fa. Fantastica. Non sono da meno le canzoni che cantava agli esordi in duo con Luisa.
    laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche se l'ho sempre preferita solista, mi emoziona di più.
      Comunque grande.

      Elimina

Se il commento non lo vedi qui è perché l'ho ben riposto in spam.