30 ott 2013

Pompe funebri




Comprereste una bara solo perché pubblicizzata da una bella ragazza?
Pare che in Polonia questo tipo di pubblicità funzioni.
L'azienda di pompe funebri Lindner ha avuto la bella idea di utilizzare donne nude in pose più o meno sexy per un calendario.
Io non ho ancora in mente quale usare per la mia dipartita [che immagino molto lontana].
Se avete voglia intanto di farvi un'idea sulla nuova collezione [dai su, non siate superstiziosi] date un'occhiata qui

24 commenti:

  1. Carina, quella .... verde.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è l'imbarazzo della scelta.

      Elimina
    2. Sono d'accordo, anche perchè le altre sono decisamente volgari.

      Elimina
    3. Vero..la verde invece è così discreta :-D

      Elimina
  2. E' certamente pubblicità indirizzata ai martiri islamici, che col martirio si procacciano 72 vergini.
    Dubito però della verginità di queste signore. I martiri potrebbero essere truffati, e questo mi dispiacerebbe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non credo piacerebbero molto ai martiri. Queste fanciulle mi sembrano maggiorenni.

      Elimina
  3. D'altra parte l'impresa di pompe funebri la sceglie chi resta, che è ben vivo - e magari bisognoso di conforto - mica il morto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un bel conforto, non c'è che dire..

      Elimina
  4. La morte della c.d. creatività.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma questi vendono.
      Pare che quello della morte sia un mercato in continua crescita.

      Elimina
    2. Mi riferivo a chi concepisce lo strumento di comunicazione, ovviamente.
      Ai "creativi" di questo calendario, al massimo, si può attribuire un voto sufficiente per il discreto uso dello "scandalo", ma nulla di più.
      Diciamo che, se la creatività qui non è morta, come minimo è in coma. E forse è irreversibile.

      Elimina
    3. In effetti non è che ci vogliano dei geni per accostare una donna svestita ad un qualsiasi prodotto.

      Elimina
    4. Esatto. E quelle sono bare: non oso immaginare che cosa si sentirebbero autorizzati a concepire, i medesimi, se dovessero ritrovarsi a pubblicizzare un prodotto come questo: http://tinyurl.com/2f48cv8,

      Elimina
    5. Rasa il pratino è un "cult" nel suo genere. Anni ed anni di indagini di mercato hanno portato i "geni" pubblicitari ad ideare quello spot [con un pó di imbarazzo confesso che mi ha anche divertito].

      Elimina
    6. No, veramente? A me ha dato il voltastomaco...

      Elimina
    7. Barbara ma possibile che la prima volta l'ho visto nel tuo blog quello spot?
      Il mio imbarazzo è proprio dovuto al fatto che mi rendo conto che viene trattato il tema rendendo la figura femminile ridicola è dir poco.
      Il sorriso peró c'è scappato.

      Elimina
    8. Sì, l'avevo messo come insuperabile esempio di pubblicità immonda schifosa vomitevole orrida repellente volgare offensiva, con le donne trattate da galline ritardate. Quando è uscita, vari anni fa, avevo anche firmato una petizione per farla togliere.

      Elimina
  5. Eros & Thanatos: niente di nuovo ;)
    Ma pubblicità di bare con maschioni ce ne sono?
    laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Laura anche se la nuditá maschile vende decisamente meno rispetto a quella femminile.

      Elimina

Se il commento non lo vedi qui è perché l'ho ben riposto in spam.