17 apr 2014

Noah

Noah: a metà tra Harry Potter ed Il Gladiatore.
La storia di Noè come non avremmo mai voluto vederla.
Cosa buona poteva essere la sceneggiatura visto che è stata scritta da Lui. Purtroppo l'hanno cambiata trasformando il nostro eroe in un assassino affamato di primogenite, invasato di D-o.


C'erano anche i classici "mostri" che non possono mai mancare in film del genere. In questo caso si trattava di brutti ma buoni, al servizio di D-o. Li hanno chiamati "vigilanti". Dovete immaginarveli simili a dei Transformer.


Belle sono state tutte le sequenze degli animali che salgono sull'arca. 




Siamo andati al cinema provvisti delle classiche ciambellette di Pesach, pieni di aspettative riguardo al film [in realtà credo di averle avute solo io visto che Tu hai i piedi per terra].


Prima dell'intervallo le ciambellette erano già terminate come pure la cioccolata che le accompagnava, e questa è stata cosa buona.






18 commenti:

  1. Chiesto lumi a san Google. Fa cagare. Oltretutto mi sa che chi lo ha fatto non ha neanche mai aperto la bibbia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che se l'ha letta ci ha poi lavorato molto di immaginazione.

      Elimina
  2. Molti dei personaggi biblici erano degli uomini d'azione, Giacobbe fa a botte con un angelo o addirittura con il Signore, non ricordo bene. Quello che spiazza di questo filmaggio (cit) è che racconta la storia, forse, più di successo del Vecchio Testamento e tutti, proprio tutti, la conosciamo troppo bene per non accusare il colpo: quella non è la storia di Noah.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giacobbe lottò contro un angelo. Fu l'angelo stesso che gli diede poi il nome Israele.
      Mi è simpatico Giacobbe poiché lavorò ben 7 anni per conquistare l'amata Rachel.

      Elimina
    2. Ma con i primi 7 Labano gli rifilò Lea. Povero Giacobbe....

      Elimina
    3. Appunto, e quindi per avere Rachel ne ha dovuti lavorare 14 (non che per avere una Rachel non ne valga la pena, intendiamoci...)

      Elimina
  3. Frega un caxxo del film su Noè. Le ciambellette, invece...
    Ma nel deserto, avevano la cioccolata?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ci credi che in Israele durante Pesach mangiano cornetti al cioccolato ed una sorta di pane molto più mangiabile del pane azzimo che vendono qui?
      Mistero della fede...

      Elimina
    2. Embè, cosa c'è di strano? Basta che siano fatti con farina di azzime ed è tutto regolare.
      PS per Giovanni: sei sicuro di conoscere bene la storia di Noè? Quanti animali ha portato nell'arca per ogni specie?

      Elimina
    3. Dipende: cammelli e robe del genere un maschio e quattro femmine.

      Elimina
    4. Io non me lo ricordo, sono troppo giovane.

      Elimina
    5. la manna (questo potrebbe non essere vero, perché me lo hanno insegnato i cristiani) ha il sapore che ci vuole sentire chi la mangia; la mia saprebbe di bistecca - ma a volte di patatine, e a volte di puntarelle.

      Elimina
    6. Quindi la manna è tipo la "caramella tuttigusti+1" di Harry Potter.

      Elimina
    7. ????????????????? La manna nella storia di Noè????!!!!????!!!!

      Elimina
    8. R&S non ha accennato a Noè. Si divagava un po' in ambito biblico.
      Barbara te la immagini la manna al sapore di concia?

      Elimina
    9. Beh, ma visto che la manna è kasher comunque, si può benissimo immaginarla anche al sapore di gamberetti, scampi, cozze, vongole, calamaretti, polpi, prosciutto di San Daniele, piadina prosciutto e formaggio, caviale, vitello tonnato, aragosta, salame d'asino...

      Elimina
  4. Quando per la Chiesa era peccato mangiare carne al venerdì, mangiare caviale era opera buona.

    RispondiElimina

Se il commento non lo vedi qui è perché l'ho ben riposto in spam.